ED AttualitàED CulturaED in primaED IntervistaED Uomo

Cambio di vertice al Polo Artigianale di Aprilia: Francesco Tinto il nuovo presidente

Francesco Tinto è stato eletto presidente del Polo Artigianale di Aprilia, con proposta approvata all’unanimità, ieri sera durante la riunione di rinnovo del direttivo consortile, presso l’Hotel Enea.

Dopo oltre vent’anni, così, Nicola Prezioso ha fatto un passo indietro promuovendo nel gruppo la figura dell’architetto.

Questi ha visto nascere la prima idea del polo, per poi seguirla anche dal punto di vista professionale in ogni fase di realizzazione, sin dal 1996 quando eseguì lo studio di fattibilità del progetto.

Dunque si è profilata la sua persona come la più idonea all’importante ruolo della presidenza.

  • Presidente Tinto quale sarà il primo impegno che assolverà con la sua nuova carica? “E’ necessario un immediato incontro con il Consorzio ASI, rinnovato anch’esso nel direttivo e con presidente Peduto. E’ importante ripristinare i rapporti”.
  • E a seguire  che programma seguirà? “Procederemo nello svincolo delle polizze di garanzia. Inoltre forniremo il Polo di nuovi servizi realizzando un centro espositivo per le aziende e un centro di formazione professionale. Stiamo, altresì, valutando l’opportunità di “far utilizzare” la strada principale, che assume la forma di una pista, per attività sportive: corsa, ciclismo, etc.”
  • Quante ditte autonome si trovano all’interno dell’area? “Una settantina e sono tutte del territorio. Talune contano pochi operai, ma altre ne hanno oltre una ventina. Il Polo è perfettamente funzionante e dotato di tutti i servizi.”

Gli altri membri del direttivo sono: Enrico Ferracci vicepresidente Pasquale Di Domenico, Mauro Patergnani, Dino Tosi, Roberto Valentini, Fausto Cesarini, Luca Ronconi e unica quota rosa Tiziana Vona. I probiviri: Nicola Prezioso, Daniela Fincato e Luca Neroni.

Il noto professionista apriliano nasce a Prossedi, ma ha sempre vissuto ad Aprilia, dove ha frequentato tutte  scuole.

Appena diplomato, Francesco realizzava con un gruppo di amici, tra cui Salvatore Sferlazzo e la sorella Maddalena, la prima emittente radiofonica di Aprilia. Era, inizialmente un modo per intrattenersi ma poi divenne una realtà seguitissima nel giro di poco tempo: correva l’anno 1977 e nasceva Radio Tele Aprilia Libera.

Ha compiuto gli studi universitari, presso la Facoltà di Architettura alla Sapienza di Roma, ma questi  non lo distolgono dalla passione per i propri amici apriliani e  per la propria città, insegnata certamente dal suo papà Antonio, Segretario Generale della Casa Comunale, nonchè fondatore della Croce Rossa Italiana, sede di Aprilia e dalla mamma Gina, docente di generazioni di apriliani.

In città si è affermato velocemente, grazie alla sua preparazione e intraprendenza, fino a ricevere la stima professionale collettiva con la realizzazione della ricostruzione, per esempio, del Campanile della Chiesa Arcipretale San Michele Arcangelo, o della realizzazione del progetto della sede di Raggio di Sole, la sede Agfa, La Casa del Tempio della comunità dei Testimoni di Geova e altro ancora.

Marina Cozzo

Previous post

Prossima presentazione a Latina per “Dolcissimo amore dagli occhi grandi” di Sergio Zerunian

Next post

Alla Feltrinelli, “Il ’68 a Latina… la rivoluzione giovanile raccontata dai libri”.

Marina Cozzo

Marina Cozzo

Giornalista