ED AttualitàED CulturaED in prima

Latina. Ancora qualche giorno per ammirare la mostra di Land Art “Giardino contemporaneo custode di memorie”

 

A cura di Cora Craus –

 

Ancora qualche giorno per ammirare la mostra di Land Art “Giardino contemporaneo custode di memorie” allestita nel Giardino Contemporaneo del palazzo comunale per il mese di novembre, un mese in cui cadono le ricorrenze dei santi e dei defunti.

Un’esposizione di scultura arte contemporanea nel verde dell’autunno di Latina, nel giardino del palazzo…… In quel giardino primeggiano marmi, sanpietrini, palme querce con le ghiande appena a terra, e poi la Dafne in bronzo donata dall’artista Elisabetta Maio alla Pinacoteca di Littoria quando era custodita all’interno di questo edificio, l’intonaco giallo ora affiora e si slabbra al tempo. “L’artista Pino Genovese, di Roma, ha perso il padre, anche lui scultore, quando era solo un bambino, e attraverso l’arte contemporanea ha ricostruito e superato il suo dolore; colmando il vuoto con la ricerca e la produzione artistica” – spiega D’Achille, che ha curato la mostra e per la seconda volta ha portato una mostra di sculture nei giardini comunali. “Ci tenevo a inaugurare questa esposizione nel giorno dedicato ai nostri defunti, nella nostra città; anche l’arte sa dare conforto, sa custodire affetti e opere di chi non c’è più sa farci sentire in pace con noi stessi e con i nostri familiari persi alla materia ma non alla memoria”.

Vi riportiamo le incisive parole che accompagnavano l’invito per l’inaugurazione della Mostra che ha riscosso un grande successo di pubblico.

I nostri giardinieri e le nostre giardiniere hanno ricreato un luogo naturale dove ci si può fermare a pensare, dove si può parlare, dove ci si può incontrare tra i colori delle piante ancora fiorite e alla protezione dell’ombra e delle mura sotto la sala del Consiglio Comunale…”

Previous post

Latina. Al museo Cambellotti la mostra: “Lupo Alberto, fallo per te e per gli altri” di Silver

Next post

Latina. Solidarte e la sua officina Luce presentano la mostra “Conducibilità Materica” di Silvia Gizzi

Cora Craus

Cora Craus

Giornalista