ED in primaED Politica

Assinarch organizza “9 domande sul futuro di Aprilia”: un confronto tra i candidati sindaco

Venerdì 18 maggio, dalle ore 17,00, presso CulturAprilia il confronto tra i candidati sindaco di Aprilia

A distanza di 5 anni dalle ultime amministrative, l’Assinarch (Associazione di Ingegneri ed Architetti di Aprilia) propone una nuova tavola rotonda con tutti i candidati sindaco che si presenteranno alle elezioni del 10 giugno 2018.

L’incontro, dal titolo “9 domande sul futuro della città”, si terrà venerdì 18 maggio dalle 17.00 presso i locali del CulturAprilia sulla via Pontina (l’ex Claudia), nel padiglione dove attualmente è collocata una mostra sulla storia del territorio: “Satricum e il Latium Vetus, il passato che aiuta a crescere il futuro”, realizzata nel 2011 proprio dall’Assinarch con il contributo dell’Archeoclub d’Italia sezione di Aprilia. La mostra è stata riallestita da poco all’ex Claudia e accoglierà il dibattito.

“In vista delle prossime elezioni comunali del 10 giugno, – commenta il presidente Marco Raffaelli – l’ASSINARCH è lieta di incontrare i candidati a sindaco per porre loro alcune domande su temi generali che riguardano lo sviluppo del Territorio, il governo di un’urbanizzazione crescente, la rivitalizzazione del centro storico e delle periferie, e poter raccogliere idee e proposte per il futuro della città e per una sua crescita sociale, culturale e turistica”.

Il dibattito sarà moderato, dopo una breve introduzione, dalla giornalista Raffaella Patricelli che porrà ai candidati le domande preparate per l’occasione. Per ogni risposta sarà assegnato un tempo a candidato tra i 3 e i 4 minuti, la chiusura dei lavori dunque è prevista per le 19,45 circa.

Cogliamo l’occasione per informarvi che i locali saranno aperti, per una visita della mostra, dalle 10,00 fino a chiusura del dibattito.

Previous post

Bulli si diventa perché "I bambini non nascono cattivi". Ci spiega tutto la psicologa Maria Tinto

Next post

Palazzo M, “Latina: dalla Fondazione alla Contemporaneità”, due giorni di progettualità condivise

Marina Cozzo

Marina Cozzo

Giornalista